Come organizzare e attuare le diverse missioni di un gruppo di combattenti? Come definisce il capogruppo gli obiettivi ei protocolli da applicare? Come può un gruppo formato o una coppia di combattenti isolati garantire la propria autonomia e rimanere proattivi, anche separati dai propri leader e dalla propria base? Scopriremo (e per alcuni riscopriremo) gli atti elementari del combattente a diretto contatto con il nemico, attraverso una semplice spiegazione e un insieme di schemi (coordinazione, articolazione, atti riflessi, comandi vari…).

Oltre all'aspetto tecnico del documento e alla presentazione di una serie di schemi che permetteranno di avere a portata di mano un utile "memo" adattabile ai diversi scenari che si possono incontrare, questo estratto da TTA 150 (a cura del Eserciti francesi) vuole essere una base perfetta per stabilire il piano di addestramento dei combattenti (dal soldato al capogruppo), instillandogli le basi della fanteria e, più in generale, rendendolo consapevole delle sue qualità di guerriero.
Nel preambolo, un promemoria degli "obblighi" (tra virgolette poiché il raggiungimento di un guerriero e la sua capacità di andare fino in fondo è un insieme di fattori) del combattente e del suo leader. È interessante notare che un piccolo paragrafo elenca gli obblighi assunti dalla Francia ai sensi delle Convenzioni di Ginevra (anche se il contesto di un conflitto civile sul proprio territorio non si presta facilmente al rispetto degli obblighi in questione).
I tre capitoli seguenti indicano (e differenziano) gli “atti riflessi”, gli “atti elementari” e le principali missioni della coppia. È su questa parte (di modesto volume) che i formatori concentreranno i primi moduli del piano formativo, con in particolare:
  • Muoviti, posizionati e usa le tue armi
  • Navigare nel tempo e nello spazio
  • Fornire informazioni e rimanere in contatto con il suo capo e la sua base
  • Ripara, nascondi e nascondi
  • Difenditi, assicurati un punto o un'area
  • Attraversa le luci e fai rotolare il fuoco
Poi vengono le "buone pratiche" e protocolli di base che consentono il comando di una squadra, un gruppo (un gruppo è un insieme di squadre - da 2 a 4) o una sezione. Esaminiamo le qualità intrinseche di un leader per concentrarci su uno degli aspetti principali di un gruppo ottimale: la sua mobilità e la sua capacità di essere autonomo (nelle sue decisioni su scala tattica, nel suo supporto logistico ...). L'enfasi è posta (con diagrammi) su una delle missioni principali di un gruppo, la pattuglia. Come garantire il movimento degli uomini, come modificarlo secondo gli imperativi del suolo o l'individuazione di elementi ostili, come garantire una catena di comando efficiente e semplice ...
Le specificità specifiche della NRBC o della contraerea (che sono delineate nel documento) non sono preoccupazioni essenziali di una milizia formata che non ha i mezzi di un esercito nazionale, né in termini logistici, né nella capacità di combattere. reazione. Tuttavia, possiamo trasporre le raccomandazioni di questo documento attraverso il prisma di tecnologie ed elementi chimici o biologici che sarebbero inevitabilmente utilizzati in caso di collasso della normalità: droni, IED, diserbanti, bombe incendiarie improvvisate ... e addestrare gli uomini a la considerazione di questo tipo di minaccia. Inoltre, questo tipo di rischio richiama un elemento chiave: un ostile è un ostile, è fondamentale non sottovalutare una forza che ti si oppone.

Logistico! Abbiamo già discusso questo assoluto, questo santo graal di ogni combattente, senza il quale nulla è possibile. Generalmente articolata e attuata ad un livello più alto, la configurazione di una milizia impegnata in un conflitto civile deve farne la principale preoccupazione (dopo il combattimento stesso) del leader "di sezione" - o del gruppo costituito che si forma. approssima una sezione in volume. Ogni azione deve essere oggetto di una verifica preventiva dei mezzi implementati, in funzione di:
  • Durata prevista della missione prima di tornare alla base
  • Il tipo di missione - e quindi il potenziale di rischio
  • Vincoli fisici subiti dal gruppo
  • Del "margine di comfort" che è ragionevole portare
  • E naturalmente la natura della terra presa in prestito
La fine del documento presenta un diagramma molto interessante: il combattimento a “bassa intensità” in una fase di crisi - sia dopo la pace civile che prima del crollo totale della normalità, con un approccio tecnico alla ricerca, checkpoint e controllo. Questo tipo di lavoro “poliziesco” ci rimanda alle opere del colonnello Trinquier e del capitano Galula (da leggere per i “tardi” da rileggere per “quelli che hanno dimenticato”.
Insomma, sicurezza, ricognizione, logistica, difesa, divieto di zona, catena di comando, capacità di essere autonomi… Buona lettura!

TTA 150 / EXCERPT NO 4 - FORMAZIONE DI COMBATTIMENTO DI BASE - FARE CLIC PER SCARICARE

SOGGIORNO SICURO, ESSERE BÉNIS!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare queste recensioni HTML tag e attributi: